Montecchio, qui l’olio ha il suo museo | Umbria Experience
Ricerca nel sito
Home > Territorio > Montecchio, qui l’olio ha il suo museo Montecchio, qui l’olio ha il suo museo

La nascita del castello, forse ad opera dei Chiaravalle di Todi, risale verosimilmente all’XI sec. Di quell’epoca mantiene l’assetto urbano, mura e porte e monumenti. Le origini del sito sono però etrusche o italiche come lascia supporre la grande necropoli di Fosso San Lorenzo che si estende ai piedi del paese. Il territorio circostante è interessato da vasti oliveti e dai boschi del monte Croce di Serra.

Nella cittadina, famosa per la produzione di olio è stato allestito un museo che ne documenta la lavorazione.

Hai selezionato il comune Montecchio: 12 eccellenze trovate


Tematismo: Archeologia
Sotto-tematismo: Grandi agglomerati a cielo aperto: città necropoli
Vasto sito archeologico a cielo aperto di notevole interesse: la necropoli di circa 3000 tombe della civiltà umbro-etrusca risale al VI-IV sec. a.C. Si suppone la presenza di un antico insediamento (forse Copio) sulle rive del Tevere, zona di intensi scambi commerciali tra Umbri ed Etruschi. Reperti esposti nell?Antiquarium di Tenaglie.
ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:
Antiquarium Comunale di Tenaglie (Cod: 155.02 (157)): Vi sono raccolti tutti i reperti rinvenuti nella necropoli di Fosso San Lorenzo. Si tratta di corredi funerari come fibule, anelli, lance, spade, vasellame e buccheri
Tematismo: Natura e Ambiente
Sotto-tematismo: Parchi/Giardini
Paesaggi di eccezionale bellezza e uno straordinario ambiente vegetazionale e faunistico. E? caratterizzato dal corso del Tevere, il fiume della storia, dal lago di Corbara e dall'Oasi di Alviano. L'Università del Kentucky lo ha definito un'area ad altissima vivibilità.
Tematismo: Natura e Ambiente
Sotto-tematismo: Punti panoramici
Verde a perdita d'occhio e un ambiente rimasto integro: il monte è interamente ricoperto di boschi, di castagneti e di macchia medieterranea allo stato puro. Spettacolare il panorama che, nelle giornata limpide, permette di spaziare fino a Orvieto da una parte e fino ai monti Sibillini dall'altra.
Tematismo: Natura e Ambiente
Sotto-tematismo: Punti panoramici
Punto panoramico di grande suggestione situato sulla cima del monte Melezzole in località Piana dell'Ara: in condizioni di visibilità ottimale la vista spazia fino a Roma e al mare.
Tematismo: Arte
Sotto-tematismo: Architettura: Palazzi, ville, teatri
Il monumentale edificio settecentesco svetta sull'altura di Tenaglie. Venne costruito sfruttando i resti di un più antico castello e restaurato nell'800. E' di proprietà privata. All'interno ospita il Museo della Civiltà contadina.
ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:
Mostra della civiltà contadina di Tenaglie (Cod: 155.01 (156)): Interessante ricostruzione di ambienti, mestieri e strumenti legati alla società contadina. Un vero e proprio museo etnografico, tra i più ricchi dell'Umbria, che mostra centinaia di attrezzi di uso quotidiano relativi al territorio regionale.
Tematismo: Archeologia
Sotto-tematismo: Al chiuso: Musei, Antiquarium, Raccolte
Vi sono raccolti tutti i reperti rinvenuti nella necropoli di Fosso San Lorenzo. Si tratta di corredi funerari come fibule, anelli, lance, spade, vasellame e buccheri
ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:
Necropoli Vallone San Lorenzo (Cod: 158): Vasto sito archeologico a cielo aperto di notevole interesse: la necropoli di circa 3000 tombe della civiltà umbro-etrusca risale al VI-IV sec. a.C. Si suppone la presenza di un antico insediamento (forse Copio) sulle rive del Tevere, zona di intensi scambi commerciali tra Umbri ed Etruschi. Reperti esposti nell’Antiquarium di Tenaglie.
Tematismo: "L'altro particolare"
Sotto-tematismo: Musei e ricordi della civiltà contadina
Interessante ricostruzione di ambienti, mestieri e strumenti legati alla società contadina. Un vero e proprio museo etnografico, tra i più ricchi dell'Umbria, che mostra centinaia di attrezzi di uso quotidiano relativi al territorio regionale.
Tematismo: Arte
Sotto-tematismo: Architettura: Rocche, castelli, porte, torri,
Il torrione che reca l'aquila tuderte, è quanto rimane dell'antico castello di Melezzole, borgo caratterizzato dall'impianto urbano medievale con edifici e strade in pietra. Il castello era circondato da tre cerchia di mura concentriche.
Tematismo: Natura e Ambiente, Arte
Sotto-tematismo: Punti panoramici, Architettura: Rocche, castelli, porte, torri,
Imponenti resti di una fortezza edificata sulla rupe omonima e dominante la valle sottostante. Resti del muro di cinta e dell'abside della chiesa di Santa Maria. Fu ultimata nel 1400 e fu sede di aspre contese tra i Baschi e i signori di Carnano.
Tematismo: Arte
Sotto-tematismo: Architettura: Chiese
Risale al 1112, ma ha subito profonde trasformazioni intorno al 1600. Nella cappella del Sacro Cuore si trova l'affresco raffigurante l'Ultima Cena del XVII secolo.