Castel Giorgio, qui si sta da papi | Umbria Experience
Ricerca nel sito
Home > Territorio > Castel Giorgio, qui si sta da papi Castel Giorgio, qui si sta da papi

L’abitato si distende sull’altopiano dell’Alfina, in un’area disseminata di castelli e di siti archeologici. Luogo di villeggiatura amato da pontefici, si sviluppò su un territorio abitato in passato dagli Etruschi intorno a un palazzo eretto come sua residenza dal cardinale Giorgio della Rovere, oggi trasformato in Palazzo vescovile.

Hai selezionato il comune Castel Giorgio: 5 eccellenze trovate

Scopri le eccellenze storico-artistiche, naturalistiche ed ambientali e le curiosità presenti nel territorio navigando i temi o selezionando i sotto-tematismi associati.



Tematismo: Arte
Sotto-tematismo: Architettura: Palazzi, ville, teatri
Conosciuto come castello Della Rovere, si presenta come un massiccio edificio con finestre ingentilite dallo stemma dei della Rovere. Fu fatto costruire dal cardinale Giorgio della Rovere - che diede il nome alla cittadina - come luogo di villeggiatura (metà del '400).
Tematismo: Archeologia
Sotto-tematismo: Grandi agglomerati a cielo aperto: città necropoli
Vasta necropoli etrusca ( III-II sec.
Tematismo: Arte
Sotto-tematismo: Architettura: Rocche, castelli, porte, torri,
Suggestivo esempio di castello medievale al centro di un villaggio agricolo con un gruppo di case coloniche e di una chiesa. Fu eretto nell'VIII sec. dal re Desiderio e poi trasformato. All'interno preziosa collezione di armi e suppellettili.
Tematismo: Arte
Sotto-tematismo: Architettura: Rocche, castelli, porte, torri,
Palazzo rinascimentale (XVI sec.) con aspetto di castello immerso in un'area verde di grande pregio. Fu costruito lungo l'importante via di comunicazione che collegava Orvieto a Bolsena. Conobbe un periodo di grande splendore nell'800. Fu di proprietà di Filippo Antonio Gualterio prima e dei conti Faina poi.
Tematismo: Archeologia
Sotto-tematismo: Grandi agglomerati a cielo aperto: città necropoli
Importante necropoli etrusca rinvenuta in località Casa Perrazza. Nelle tombe è stato riportato alla luce un ricco corredo funerario ora esposto al Museo Archeologico di Orvieto.