Ricerca nel sito
Home > Eccellenze
Hai selezionato il tematismo Archeologia: 21 eccellenze trovate in tutto il comune

Vedi anche i sottotematismi relativi:
Grandi agglomerati a cielo aperto: città necropoli (2) | Al chiuso: Musei, Antiquarium, Raccolte (5) | Vie, ponti e porti (2) | Mura, ville rustiche e templi (2) | Singoli reperti e altro (10)

Visualizza le eccellenze nel territorio
Comune: Orvieto Architetture medievali caratterizzano il complesso di palazzi alle spalle del Duomo. Vennero edificati nel XIII sec. per ospitare i pontefici Urbano IV, Gregorio X e Martino IV. Uno degli edifici, gia sede del Vescovado, e abbellito da archi acuti e trifore. Parte dei locali sono occupati dal Museo Archeologico.
ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:
Museo Archeologico Nazionale (Cod: 519.01 (171)): Una delle più complete e interessanti raccolte di reperti etruschi delle necropoli orvietane. Suggestiva e interessante è la ricostruzione delle tombe Golini e il trasferimento sulle loro pareti degli affreschi che le abbellivano.

Comune: Orvieto, Baschi Sito archeologico di grande importanza: mostra i resti di un grande porto fluviale del quale sono visibili 5 moli e circa 70 ambienti tra cui magazzini per lo stoccaggio delle merci. Sorse alla confluenza del Paglia con il Tevere e fu punto focale del commercio delle derrate alimentari e delle terrecotte.

Comune: Orvieto Area archeologica di forte impatto visivo e tra le piu importanti testimonianze della civilta etrusca: la necropoli, conosciuta come la "citta dei morti", ha oltre 70 tombe distribuite secondo la planimetria di una citta con strade che si incrociano ad angolo retto. Un'iscrizione sull'architrave ricorda il nome della famiglia cui apparteneva il sepolcro.

Comune: Orvieto Preziosa raccolta di oltre 3500 reperti etruschi provenienti dalle necropoli orvietane facenti parte della collezione Faina iniziato nel 1864. Notevole tra i vari pezzi, un sarcofago di Torre San Severo, la Venere di Cannicella e la collezione di vasi.
ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:
Venere di Cannicella (Cod: 170.01 (187)): Piccola statua di origine etrusca conosciuta come "Venere di Cannicella" perché proveniente dalla necropoli omonima (VIII sec. a.C.) ove si trovano anche i resti di un santuario etrusco.

Comune: Orvieto Una delle piu complete e interessanti raccolte di reperti etruschi delle necropoli orvietane. Suggestiva e interessante e la ricostruzione delle tombe Golini e il trasferimento sulle loro pareti degli affreschi che le abbellivano.

Comune: Orvieto Il mondo affascinante dei sotterranei della rupe di Orvieto svela 2500 anni di storia: un percorso agevole attraverso una vera e propria citta scavata nel tufo dove si ripercorre la vita quotidiana dagli Etruschi ai giorni nostri.Vi sono oltre 1200 grotte, cantine per la fermentazione del vino, magazzini per la conservazione dei beni, pozzi e cisterne per l'acqua, cave di pietra, frantoi per l'olio, forni per ceramiche.
ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:
Complesso ipogeo - Mulino di Santa Chiara (Cod: 172.01 (511)): Eccezionale ritrovamento di un frantoio attivo al tempo degli Etruschi e rimasto in funzione fino al '600. Sono visibili le grandi macine in pietra, le vasche per la raccolta del prodotto, i locali annessi al frantoio con le stalle per gli animali che dovevano far girare la mola.

Comune: Orvieto Sito archeologico di grande interesse storico: gli scavi effettuati nell'area dell'ex Campo della Fiera hanno riportato alla luce un luogo di culto, probabilmente il tempio cui facevano riferimento tutte le locumonie etrusche

Comune: Orvieto La Collezione "Marino" della ceramica medievale e rinascimentale e una straordinaria raccolta di oltre 1500 pezzi di ceramica ricomposti e restaurati dopo essere stati ritrovati nella grande fornace di via della Cava operante dal '300 al '500. Il museo "Marco Marino" e un notevole esempio di archeologia medievale e rinascimentale e quindi di grande importanza storica per la storia della produzione della ceramica orvietana.

Comune: Orvieto Eccezionale ritrovamento di un frantoio attivo al tempo degli Etruschi e rimasto in funzione fino al '600. Sono visibili le grandi macine in pietra, le vasche per la raccolta del prodotto, i locali annessi al frantoio con le stalle per gli animali che dovevano far girare la mola.

Comune: Orvieto Tempio etrusco risalente al V sec. a.C. Sono visibili il basamento del podio (m. 17 x 22) e la scalinata d'accesso. I reperti qui rinvenuti sono conservati al Museo Faina.