Ricerca nel sito
Home > Eccellenze
Hai selezionato il sotto-tematismo Architettura: Chiese: 17 eccellenze trovate in tutto il comprensorio
Visualizza le eccellenze nel territorio
Comune: Amelia Costruita sul punto piu alto della citta, risale alla prima meta del XI secolo, ma fu piu volte trasformata. L'intervento decisivo risale al '600 e fu in parte dovuto alla mano del Bernini. La decorazione ad affresco e di Luigi Fontana (XIX sec.). E' presente un presepe artistico in gesso realizzato da C. Chiappafreddo..
ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:
Raccolta Storico-artistica del Duomo (Cod: 122.05 (357)): Nel Duomo sono visitabili il monumento funebre del vescovo Giovanni Geraldini (1476 attribuito ad Agostino di Duccio, i sepolcri dei vescovi Baldo e Bartolomeo Farrattini (sec XVI), opere di Ippolito Scalza.
Colonna di Santa Firmina (Cod: 122.01 (439)): E' la colonna a cui, secondo la tradizione, venne legata santa Firmina, patrona di Amelia, per essere martirizzata. Essa proviene dalla cripta dove la Santa era sepolta insieme a santo Olimpiade.
Raccolta Diocesana (Cod: 122.02 (440)): Comprende diversi dipinti facenti parte del patrimonio ecclesiastico. Sono custoditi nei locali annessi al Duomo e verranno inclusi nella Pinacoteca cittadina. Tra le opere si ricordano quelle del Barbiani e del Perini.
Stendardi turchi (Cod: 122.03 (441)): Sono le bandiere conquistate ai Turchi in occasione della battaglia di Candia o, secondo altri, nella battaglia di Lepanto.
Monumenti funebri dei Farrattini (Cod: 122.04 (442)): Pregevoli esempi di monumenti funebri ornati da bassorilievi e statue collocate entro una struttura architettonica. Situati nella cappella Farrattini, sono stati realizzati nel '500 da Ippolito Scalza.

Comune: Amelia Eretta nel 1287 in forme romanico-gotiche fu trasformata nel '400 con l'aggiunta del chiostro e del convento. Oltre ad affreschi di scuola giottesca, conserva i 6 sepolcri della famiglia Geraldini: quello di Matteo ed Elisabetta sono dell'artista Agostino di Duccio.
ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:
Monumenti funebri dei Geraldini (Cod: 127.01 (491)): Pregevoli opere scultoree situate nella cappella dedicata alla famiglia Geraldini. I sepolcri di Matteo ed Elisabetta sono opera di Agostino di Duccio, gli atri da Andrea Bregno, Antonio Pini e Luigi Capponi.

Comune: Amelia Un bel portale ogivale e un rosone con raggiera di 16 colonnine contraddistinguono la facciata della chiesa di impostazione romanico gotica. All'interno (barocco) pregevole organo Morettini e, come curiosita, la ricostruzione della grotta di Lourdes. Annesso chiostro.

Comune: Amelia Chiesa romanica costruita nel XII sec. con notevoli resti dell'impianto originario.
ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:
Madonna di Porchiano (Cod: 447.01 (446)): La dolcissima immagine della Madonna, da molti critici attribuita a Piermatteo d'Amelia, è speculare alla Madonna dell'edicola votiva di Toscolano.
La pietra del miracolo di Bolsena (Cod: 447.02 (448)): La pietra macchiata di sangue fuoriuscito dall'ostia consacrata proviene da Bolsena, luogo dove avvenne il cosiddetto "miracolo di Bolsena".

Comune: Amelia Di impianto romanico, conserva il pavimento originario, le immagini dei Santi Evangelisti e, su una pietra, l'indicazione del valore della "soma". Graziosa l'abside.

Comune: Avigliano Umbro La chiesa e parte integrante del castello Corsini di Sismano. In essa si conservano tele del Polinori e di Palminius Alvi.

Comune: Avigliano Umbro La parrocchiale sorse nel 1617. All'interno conserva una "Madonna del Rosario" attribuita ad Andrea Polinori e altre opere dello stesso.

Comune: Avigliano Umbro Notevole esempio di arte romanica, la chiesa di Santa Vittorina e un'antica pieve risalente all'XI sec.

Comune: Montecastrilli Interessante chiesa romanica edificata nell'XI secolo per la cui costruzione sono stati utilizzati blocchi di pietra di epoca romana. All'interno originale volta a botte.

Comune: Montecastrilli Parte della struttura architettonica e inserita nell'antica cinta muraria. Eretta nell'XI sec. fu ristrutturata nel XVII. All'interno alcuni affreschi e un Crocifisso in legno.